Partita intensa quella persa a Crema dagli u16 gialloblu per 36 a 7.

Su un campo pesante e contro una squadra fisicamente ben dotata ed organizzata ha saputo mostrare tutte le sue doti difensive, doti che ricordiamo non più tardi di una settimana fa erano state messe in dubbio in una prestazione opaca.

La testa, la concentrazione e la consapevolezza delle proprie capacità sono fattori che, soprattutto a questa età, influenzano pesantemente la prestazione sportiva del singolo e, come conseguenza (effetto trascinamento), del gruppo.

La squadra è scesa in campo ieri con la giusta voglia di soffrire, ingrediente indispensabile per poter ambire al successo. L’U.16 di Crema è una squadra assolutamente alla portata della compagine gialloblu, si è imposta sfruttando l’esuberanza fisica di un paio di elementi in grado di fare la differenza e scegliendo un piano di gioco basato su frequenti calci di spostamento per esplorare gli spazi dietro la nostra difesa, piano di gioco che si è rivelato efficace ancorché inusuale a questi livelli in cui si tede a favorire il gioco alla mano e l’azione costruita.

Discreta, ma con ampi margini di miglioramento, la fase di attacco, con i nostri ragazzi che ha saputo variare la propria strategia in corso di gara nel tentativo di aprire varchi nella ben organizzata difesa cremasca che poco ha concesso sia nei tentativi al largo sia nelle percussioni centrali. La meta gialloblu è stata frutto di un bell’intercetto del tallonatore Nicod che ha trovato poi un off-load per il compagno Tiemtore che ha potuto così lanciarsi in meta.

Poco da dire sulle mete subite dai gialloblu, onore agli avversari che hanno saputo esplorare con efficacia gli spazi allargati variando giocate alla mano e calci di spostamento nell’obiettivo di cercare la superiorità numerica o di mettere in condizione i due o tre elementi di spicco di fare valere la loro forza fisica in sfide uno contro uno.

Per concludere tutti i 20 giocatori scesi in campo meritano un elogio per quanto fatto sia nella fase di attacco che in quella difensiva.

Attribuiamo il titolo di man of the match a Simone Cannizzaro brillante sia nelle coperture difensive che nei recuperi di palla,incurante del colpo subito alla mano ad inizio match che non ne ha comunque limitato l’aggressività ed il coraggio.

Giocatori scesi in campo:

Neri, Nicod, Benatti, Maccario, Windmuller G., Torno, Cannizzaro, Daverio, Porretti, Vigo, Bezzolato, Falconi Cortellezzi, Windmuller S., Tiemtore, Murru, Coppolino, Mara, Della Bella, Tedesco

Tabellino:          

Primo tempo: 8′ meta Crema nt, 12′ meta Crema nt, 14’ meta Crema trasf, 18’ meta Tiemtore, trasf Della Bella

Secondo tempo: 5′ meta Crema nt, 8′ meta Crema trasf, 20’ meta Crema trasf

note: cartellino Giallo a Daverio