Buone nuove: anche a Cusago esiste il sole! C’è, si vede e si sente, un bel tepore che scalda piacevolmente e ammorbidisce il terreno.
Ebbene sì, siamo ancora ospiti del Rugbio, ma al posto che le solite cinquanta sfumature di grigio ci accoglie una bella giornata soleggiata.

UNDER 9 e 10

risicate  ma pur sempre due le squadre in campo. Oggi più che mai è stato fondamentale il contributo degli amici Rosafanti che sono arrivati a sostenere i nostri under 9 presenti solo in quattro al torneo.
Al breefing gli allenatori e il direttore di raggruppamento si accordano per riunire nei gironi eliminatori squadre di pari età. Gran parte delle società presenti schierano doppie squadre, tutte divise per annata.
Finalmente un bel campo di prova per tutti!

UNDER 9
Girone eliminatorio con Malpensa rossa e Cus verde.
Cus verde mette gli Unni in difficoltà con un gioco più organizzato, mentre con Malpensa rossa sfruttiamo meglio gli spazi e riusciamo a vincere.
Un po’ di pausa e anche per i piccoli tea caldo e qualcosa da sgranocchiare per reintegrare le energie.
Ci accaparriamo il secondo posto e andiamo al girone finale con Malpensa blu, Asr Milano e Rugbio granata.
I ragazzi giocano discretamente bene, realizzando quanto spiegato in allenamento e migliorando la fase difensiva specialmente a inizio partita.
Resta parecchio lavoro da fare sulla velocità decisionale e sulla comunicazione tra compagni.
Ci sarà tempo di affinare il tutto, si sa che il primo anno di ogni under è sacrificio, fatica e sofferenza: serve pazienza e impegno per raccogliere buoni frutti la stagione successiva.
L’essenziale è continuare sulla strada intrapresa.

UNDER 10
Girone eliminatorio con Pavia blu e Asr Milano
Si comincia con Asr: gli Unni sono un po’ sottotono e ci mettono un attimo a carburare. Il nome degli avversari fa sempre un po’ paura…
Poi ingraniamo la marcia e imponiamo il nostro gioco portando a casa una netta vittoria. Senza sosta e subito contro Pavia: loro sono veloci,noi più “fisici”. Ottimi placcaggi e in generale una buona difesa ci portano a vincere. Ancora una volta conquistiamo il girone dei primi.
Un po’di pausa, cioccolato e tea, qualcuno fa anche qualche generosa “puciata”di biscotti, e poi da dietro una voce tuona “basta che poi non correte più!”
Nel nuovo girone ci sono Parco Sempione giallo, Parco Sempione verde e Pavia gialla, un tripudio di colori per squadre pronte a dar gran filo da torcere.
La partita di giornata è quella con Parco Sempione giallo: pronti, via, una serie di errori e in un attimo siamo sotto di due mete. Poi il carattere e la forza di non arrendersi ci scuote. D’altra parte un caro amico insegna che “non è finita finché non è finita..”
E allora giù la testa e in alto il cuore, viene fuori tutto quello che i ragazzi stanno imparando, si vede La Squadra: un bel pareggio di 2-2 rende merito a quanto visto in campo da entrambe le parti.
Con Pavia blu gli Unni sono ancora carichi e mettono in campo un’ottima prova e relativa vittoria.
Sforiamo con il tempo massimo di gioco consentito e quindi niente partita contro “i piccoli”del Parco Sempione verde. Chiudiamo primi a pari merito con Cus giallo.

UNDER 12

Gli Unni si presentano numerosissimi assieme ai fidati Rosafanti, che andranno anche a supportare la squadra dei Falchi della Lomellina.

Si parte subito in salita con la seconda squadra dell’ASR Milano, che impegna i nostri Unni senza lasciare nessun varco aperto. Gli avversari attaccano molto organizzati e senza calare mai di ritmo, continuando a segnare una meta dopo l’altra. Gli Unni appaiono un po’ frastornati e non riescono a reagire, subendo molto in difesa; purtroppo la partita si chiude con un pesante 10 a 0.

Il tempo di rinfrescarsi con un po’ d’acqua e si ricomincia con il CUS Pavia, avversario già incontrato negli ultimi raggruppamenti. Questa volta lo scontro è più equilibrato e le squadre sembrano essere allo stesso livello, ma dopo i primi dieci minuti in sostanziale parità gli Unni calano mancando qualche placcaggio di troppo. Nuovamente lasciamo il campo perdendo per 5 mete a 3.

Dopo un bel tea caldo è tempo di affrontare i padroni di casa. Questa volta gli Unni fanno valere la loro superiorità fisica e nonostante un gioco non proprio organizzato riescono a vincere per 6 mete a 4. Che fatica!

Un‘ ultima pausa e gli Unni affrontano l’Alessandria. La stanchezza è oramai palese e forse manca un po’ di voglia; gli Unni non sembrano per nulla reattivi e lasciano giocare troppo gli avversari che ne approfittano a mani basse. Più passa il tempo e più il bilancio si fa pesante: i placcaggi mancati sono troppi e la squadra non riesce a reagire… Al fischio di chiusura l’Alessandria vince meritatamente per 9 a 1.

Il sole e il bel tempo non sono bastati, ma ci rifaremo la prossima volta.