post

UNDER 16: purchè si giochi a rugby

Amatoriale, di base, di elitè e di alto livello… Da un po’ di tempo anche quando si parla di settori giovanili e club la parola rugby è spesso accompagnata dai più variegati aggettivi o sostantivi…, quando sarebbe utile usare affermazioni più semplici e immediate.

Parlando dell’amichevole in programma a Lainate di recente ci è capitato di imbatterci in una curiosa affermazione sul rugby giovanile di un tecnico incaricato dello sviluppo: “a rugby si gioca in 15” opinione che ha stimolato alcune riflessioni da parte del nostro allenatore il quale sostiene sempre che le strade scelte è giusto percorrerle con la massima coerenze, quindi sarebbe corretto ignorare in tutto e per tutto i club che non hanno 15 ragazzi sul campo agli allenamenti e impedire alle squadre di iscriversi al campionato se non in presenza di determinate garanzie quali ad esempio il numero minimo di tesserati, anche per evitare spiacevoli multe, che tra l’altro si traducono in soldi spesi e incamerati.

A quel punto però probabilmente le statistiche e i numeri regionali, nazionali e mondiali circa il movimento rugbystico territoriale sarebbero diverse; inoltre allenare un gruppo che faccia fatica ad arrivare alla “fatidica soglia” deve far parte del bagaglio e dell’esperienza di qualsiasi allenatore, per consentire a tutti di confrontarsi in tutti i contesti, valorizzando le differenze e l’incontro tra giocatori, allenatori, luoghi e società e capire realmente cosa i ragazzi hanno realmente bisogno e cercano realmente.

Avere differenti punti di vista è la miglior cosa e come sempre l’ultima parola spetta al campo… Così succede che Lainate quest’inverno esclusa dal campionato, perché colpevole di non aver messo in campo 15 giocatori in tre appuntamenti, per l’occasione si presenta con 17 giocatori tutti vogliosi di giocare poiché da diverso tempo fermi obbligatoriamente ai box.

Una risposta rumorosa in questo sabato pomeriggio primaverile e un messaggio chiaro: serve un’organizzazione molto più pratica e snella senza parole al vento e burocrazia che abbia come centro di interesse principale i ragazzi. Così per il rugby che dobbiamo rincorrere e insegnare bastano una telefonata tra i due allenatori, adeguate competenze arbitrali, un medico e la disponibilità di ragazzi e genitori.

Un match piacevole, giocato alla pari soprattutto nel primo tempo, con i gialloblù che giocano con intensità e determinazione che costringe i milanesi a rincorrere e subire diverse mete.  Lo staff tecnico ha apprezzato la concentrazione e la tenacia dimostrata, ottima la prestazione di tutti i ragazzi con Andrea Quaranta sugli scudi ed eletto man of the match.

“Se vuoi costruire una barca, non radunare gli uomini per tagliare la legna, divider i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito” ha scritto Antoine de Saint-Exupéry perché per superare i nostri limiti dobbiamo cambiare il punto di vista da cui guardiamo le cose cercare una angolazione diversa, un’altra prospettiva, allenare il desiderio e la nostalgia può essere un buon punto di partenza non solo per noi, ma per tutti verso lo “sviluppo dei club” ma soprattutto per il vero scopo che talvolta dimentichiamo far giocare i nostri ragazzi.

Sabato prossimo si chiuderà il nostro campionato e per l’occasione scenderemo in campo a Vizzola Ticino contro il Verbania, nessuno deve mancare.

Marcature:

primo tempo: 3’ meta Lainate nt (5-0), 5’ meta Quaranta A. tr Bui (5-7), 9’ meta Quaranta M. tr Bui, 11’ meta Lainate nt (10-14), 13’ meta Tiemtore tr Bui (10-21), 17’ meta Lainate tr (17-21), 19’ meta Bui tr Bui (17-28), 20’ meta Lainate tr (24-28).

secondo tempo: 3’ meta Crocco tr Bui (0-7), 5’ meta Crocco tr Bui (0-14), 10’ meta Tiemtore nt (0-19), 11’ meta di Daverio tr Bui (0-26), 12’ meta Crocco tr Bui(0-33), 14’ meta Lainate nt (5-33), 15’ meta Lainate nt (10-33), 19’ meta Lainate nt (15-33), 20’ meta Bui tr Bui (15-40).

terzo tempo: 1’ meta Tiemtore tr Daverio (0-7), 2’ meta Quaranta M. tr Cortellezzi (0-14), 3’ meta Daverio nt (0-19), 4’ meta Lainate tr (7-19), 9’ meta Quaranta M. tr Daverio (7-26), 11’ meta Crocco tr Daverio (7-33), 13’ meta Lainate nt (12-33), 17’ meta Crocco nt (12-38), 19’ meta Tiemtore tr Daverio (12-45), 21’ meta Lainate tr (19-45).

Trasformazioni: Lainate 5/10, Borsani 0/1, Bui 9/9, Cortellezzi 1/1, Crocco 0/1, Daverio 4/4, Torno 0/1

Giocatori scesi in campo:

Beckers, Benatti, Borsani, Bui (v.cap), Cenci, Cortellezzi, Crocco, Daverio, Maiuolo, Neri, Ottoboni, Porretti,  Quaranta A., Quaranta M. (cap.) Tiemtore, Torno, Zaccaria.

Risultati:

Lainate – Tradate amichevole

Verbania – Como 10-65

Amatori&Union – Malpensa 31-30

San Donato – Ticinensis 37-0

Classifica:

Como 55*

Verbania 38*

Amatori&Union 35

Malpensa 34

San Donato 21*

Ticinensis 17*

Tradate -2

* = una partita in meno

Match da recuperare: Como-Ticinensis   San Donato-Verbania