post

MINIRUGBY: a spasso per i campi

Mini unni divisi su tre campi in questa uggiosa domenica novembrina.
Nanetti under 6 e under 8 a giocare sul fango di casa per una giornata speciale da condividere con il Rugby Malpensa, presente la mattina con le due categorie del mini e il pomeriggio con i Seniores.
Gli under 10 in trasferta per il raggruppamento di Tradate e gli under 12 per quello di Corbetta.

UNDER 6


5 presenti Ricky grande, Ricky Junior, Asia, Gabriele e Achille! Tutti carichi e ben equipaggiati a causa delle precipitazioni che imperversano sul campo del Valcuvia da più di 10 giorni. Purtroppo il Malpensa under 6 non si presenta sul campo causa malattie e infortuni dell’ultimo minuto. I piccoli Unni non si scoraggiano e cominciano a riscaldarsi col sorriso.
Ma la loro voglia di giocare e mettersi in gioco é tanta. Si decide così di far giocare i nostri nanetti con quelli della categoria superiore.
I Veterani si ritrovano con i loro ex compagni e placcano e corrono a più non posso. Ottima prestazione del piccolo Achille che prova a forzare più volte la linea avversaria. Lode ai coraggiosi Ricky junior e Gabriele che partecipano con entusiasmo alla partita in mezzo ai giganti Under 8. I nanetti tornano poi nel loro campo.
Simone e Daniele u8 si rendono disponibili per giocare una partita con tutti gli u6 così da avere due squadre per un allenamento speciale in previsione dei prossimi impegni.

UNDER 8


Presenti 8 Unni, Nathan, Edo, Max, Simone, Samuele, Mathias, Tommaso e Daniele e 5 giocatori del Malpensa.
Si comincia con un bel riscaldamento tutti insieme, giocando a sparviero e a bandiera. Lo spirito è quello giusto! C’è tanta voglia di giocare e di divertirsi nonostante il campo sia molto pesante.
Si decide di mescolare le squadre ed in rinforzo arrivano anche nanetti u6 che si trovano senza avversarsi della medesima categoria.
Tanti i placcaggi e i sorrisi una volta rialzati dal fango.
La qualità del gioco è buona e sono molte le azioni di qualità.
È quasi mezzogiorno e tutti vengono mandati sotto le doccia calde. Seguirà un meraviglioso e intimo terzo tempo in casetta con i 18 mini-rugbysti.

UNDER 10


Schieriamo le consuete due squadre anche per il torneo di Tradate, due squadre si ma unni-te (citando il piccolo Tommy!) perché i compagni sono amici, si sostengono sempre anche quando giocano con una maglia di colore diverso; e quindi gli u10 in bianco e gli u9 con il sostegno di tre bambini dei Rosafanti in color….ananas acerbo.
Dopo le parole spese da Castro e Luca in spogliatoio, che ovviamente sono tutte per i ragazzi e quindi non le riportiamo,i mini unni sono pronti a dare battaglia.
Si sa che per i 2010 non è facile, gli avversari non sempre schierano squadre divise per età e quindi devono stringere i denti e giocare a tutta in ogni singola partita. I nostri non si tirano mai indietro e fanno coraggiosi placcaggi anche contro avversari che li superano di una spanna!
Lo scopo di questa divisione per età è creare un gruppo omogeneo che ha vita dura tutto il primo anno per poi crescere e migliorare “sul lungo periodo”, creando una squadra solida e compatta per la stagione successiva.
I 2009 sono più rodati, la gavetta l’hanno fatta lo scorso anno e oggi si impongono con netta superiorità in tutte le partite.
Vincono il torneo con parecchie mete di scarto, facendo vedere alcune azioni ben costruite che strappano applausi anche al pubblico avversario.
Non per questo possono crogiolarsi sugli allori, c’è da lavorare anche per loro, le individualità devono lasciare il posto a una maggior collaborazione, è la squadra che arriva in meta, serve il sacrificio del singolo a favore del gruppo.
Come sempre bambini e coaches lasciano il campo soddisfatti con larghi sorrisi infangati.
Doccia calda, terzo tempo, poi direzione campo di Cassano per tifare i Seniores tra una castagna e l’altra (e tal proposito un grazie a Diego!)

UNDER 12

Squadra tirata solo dodici presenti, fortunatamente ci sostengono quattro compagni dei Rosafanti.

Il raggruppamento è numeroso per cui 2 gironi da 4 squadre: con noi Amatori Union Milano, Cus Pavia e Lecco.

Che dire.. i ragazzi non hanno dato il loro meglio, ma va riconosciuto che non hanno mai mollato e per la finale con il Cus Pavia 2 si sono “risvegliati”.

Non sappiamo cosa sia stato a far scattare in loro la voglia di lottare, se la pausa in spogliatoio o la pioggia che ha iniziato poco prima della finale, fatto stà che finalmente abbiamo rivisto i nostri Unni con la solita grinta e ovviamente anche il risultato è stato a nostro favore! Il coach si dice comunque soddisfatto alla domanda: “Cosa scrivo in cronaca?” la succinta risposta (ma d’altronde è uomo da poche parole e lo sappiamo bene 😉 ) è stata:  “hanno giocato bene!”

C’è ancora tanto da lavorare sia per i nuovi  a cui manca tecnica ma arriverà, che per i veterani che calpestano campi da rugby da anni… non si finisce mai di imparare e migliorarsi e siamo solo a inizio stagione.

Doccia calda, terzo tempo e poi si torna a Cassano a raggiungere le altre categorie per fare il tifo ai grandoni dei seniores.