post

Ilop Valcuvia-Cesano Boscone 24-29

Domenica 2 novembre si è disputato il quarto turno della C2 di rugby. Gli Unni, in una sfida molto intensa, hanno affrontato a Cassano Valcuvia il Cesano Boscone di coach Michele Cantore. La prima parte di gara è stata dominata dai cesanesi, poi nel secondo tempo i valcuviani hanno ravvivato il match sfiorando il colpaccio finale.
Gli ospiti si sono portati subito in vantaggio 7 a 0 con la meta di Dario Commizzoli, trasformata da Andrea Galise. Poco dopo, Alberto Rossi ha segnato e trasformato la meta del provvisorio pareggio. Il Cesano ha chiuso il primo tempo in vantaggio 22 a 7 grazie a una meta di Giuseppe Zaccaria trasformata da Galise, un piazzato dello stesso Galise e la seconda meta del mediano d’apertura Commizzoli.
A inizio secondo tempo i milanesi hanno incrementato ancora con Zaccaria, ottima la prova della terza centro biancoverde. Poi il solito Galise ha trasformato portato gli ospiti sul +22.
A quel punto il Valcuvia è salito in cattedra con tre mete marcate nell’ordine da: Ermete Rossi, Giovanni Oddi e Ivan Renzi che ha regalato ai tifosi di casa otto minuti di speranza. La sfida si è chiusa sul 24 a 29. Il -5 finale, con 4 mete segnate, regala ai valcuviani due punti bonus. Viene così annullata la penalizzazione in classifica degli Unni che domenica 9 novembre giocheranno a Parabiago.

Ilop Valcuvia: Badi (Viola), Haida, Gabriele, Biondolillo, Bossi, Alberto Rossi, Ermete Rossi, Foresio, Costa (Taglioretti), Oddi (Elvi), Di Muro (De Rossi), Busnelli, Renzi, Perdoncin (c.), Alberici. Non entrati: Scornavacchi e Nicola Fiorino. Allenatori: Ermete Rossi e Beppe Cattaneo.

Risultati della quarta giornata girone 1: Ilop Valcuvia 24-29, Voghera- Malpensa 17-42, Mastini-Cadetti del Parabiago 13-13, Saits-Cadetti del Novara 8-18, Gattico-Rozzano 3-57, ha riposato il Tradate.
Classifica C2 girone 1: Chicken Rozzano 16, Cesano 15, Malpensa 10, Tradate 9, Mastini 8, Cadetti del Novara 4, Valcuvia, Saints 0, Gattico -4, Cadetti del Parabiago -5, Voghera -8.
Matteo Liorre (foto di Sara Beverina)